• Tendenze
By
admin
-
924
Copertina Vogue francese 1939

di AMERICO MARCONI –

Poco prima del 13 luglio 1954, giorno della sua scomparsa a 47 anni, Frida nella casa azzurra scrive sul diario: “Aspetto felice la partenza. E spero di non tornare mai più”. Ebbene sbagliò predizione: mai come in questi ultimi anni tra mostre di pittura, cinema, teatro, musica, Frida è presente nella nostra società planetaria. I suoi variopinti abiti tradizionali messicani, le corone di fiori tra i capelli, le acconciature, le collane vistose e i bracciali si affacciano più o meno chiaramente tra le ultime creazioni degli stilisti Gucci e Dolce&Gabbana; come già di Jean Paul Gaultier, Moschino e Burberry Prorsum.  Oltre che nel look delle pop stars Madonna e Beyoncé.

Frida Khalo, o meglio Magdalena Carmen Frieda Khalo y Caldéron, nasce nel 1907 a Coyocán, un sobborgo di Città del Messico da madre messicana e padre tedesco. Cresce e studia nella certezza di diventare medico. Ma il destino, forse la stessa Pelona (la morte), l’aspettava il 17 settembre del 1925. Viaggiava in compagnia del suo amico e primo amore Alejandro Gómez Arias su un autobus che si scontra con un tram. Frida viene trafitta da una sbarra e rimane in un lago di sangue priva di sensi tra tanti morti. Le riscontreranno tre fratture alla colonna vertebrale, due alle coste, la spalla e gamba sinistra a pezzi. Lei reagisce con la forza e l’ostinazione dei suoi diciotto anni. Si riprende la vita, anche se numerosi saranno gli interventi chirurgici e i periodi di immobilità. Ed è stando lunga e ferma sul letto, guardando uno specchio posto a sinistra, che inizia a dipingere soprattutto se stessa. Per questo tanti sono i suoi autoritratti. In essi il suo volto subisce leggere variazioni e gli occhi sono l’elemento più caratterizzante: scuri e profondi che fissano con sicurezza l’osservatore, incorniciati dalle folte sopracciglia e dai baffetti sopra le labbra color fucsia. Sempre in mezzo a elementi fantastici e naturali, coniugati con allegria o tragicità, che provengono dall’arte popolare messicana, precolombiana, cristiana.

Nel 1928 entra nel Partito Comunista Messicano dove conosce Diego Rivera, famoso pittore e muralista. Incontro fatale che approda l’anno dopo al matrimonio da cui non riuscirà mai ad avere un figlio per ripetute gravidanze abortive. La loro grande storia d’amore è piena di reciproci tradimenti tanto che dopo sette anni si lasciano ma nel 1940 si risposano. Grazie ad André Breton, Frida esporrà le sue opere a New York e Parigi con notevole successo. Breton definisce Frida: “Una bomba avvolta da nastri di seta”. In poche parole c’è tutta la sua natura rivoluzionaria, battagliera e passionale, il suo amore delle tradizioni e dei colori della vita.

Frida Khalo è penetrata in ogni campo determinando una sorta di Fridamania. Certo per merito della sua arte: immediata e comprensibile, pop e folkloristica allo stesso tempo. Ma soprattutto è stata la sua vita a renderla tanto attuale: anticonformista, femminista, sessualmente libera, animalista, apertamente disabile: ad una dimostrazione di piazza, poco prima che la SpilloCollezione Tacco Stileo it A Primavera 2019 Stivaletti Con exBodCPelona la raggiungesse, arrivò spinta su una sedia a rotelle. Per questo Frida è tornata, anzi non è mai andata via. Frida è per sempre.

  • TAGS
  • Americo Marconi
SHARE
Facebook Twitter
  • tweet
Previous articleNon bussate sui cocomeri
Next articleIl “Canto degli italiani” diventa l’inno ufficiale
admin

RELATED ARTICLESMORE FROM AUTHOR

Tendenze
SpilloCollezione Tacco Stileo it A Primavera 2019 Stivaletti Con exBodC

A San Valentino il cuore di una “Presentosa” per la donna amata

Tendenze

La creatività scende in campo con il contest “Disegna la terza maglia della Samb”

Tendenze

Società liquida, la parola d’ordine è velocità